Assenzio

Login | Registrati
Hai 0 prodotti nel tuo Carrello
Artemisia Absinthe 68% - 20 CL Mignon
25,00 �

Clicca sulla busta verde per aggiungere il prodotto al tuo carrello

Q.tà
Artemisia Assenzio 68% Vol. 20 CL @ Bohemian's Elixir finissimo distillato prodotto seguendo rigorosamente l'antica ricetta del XIX secolo con metodo tradizionale per garantire che il sapore, il bouquet ed il colore siano del tutto autentici.

 

Se non resistete al fascino e l’ebbrezza di rivivere quelle straordinarie sensazioni che gioirono artisti la cui voce riecheggerà per sempre …

 

 

 

Nel periodo del caos generato dalla guerra sociale tra aristocrazia e nuova borghesia che interessava tutta l’Europa nasce una delle bevande più discusse e controverse della storia degli alcolici da tavolo.

L’Assenzio prende il nome dalla pianta Artemisia Absenthium che è l’ingrediente principale per realizzare la mitica fatina Verde.

Nasce in un paesino svizzero per opera di un dottore francese scappato dalla rivoluzione.

L’idea era quella di creare una bevanda Toccasana come rimedio al tifo, la malaria e altro ma ben presto divento la bevanda nazionale preferita dai francesi che la sostituirono al vino.

E ben presto la Fata Verde venne concessa come razione ai gendarmi francesi che invadevano l’Algeria.

Facile immaginare la forte richiesta di assenzio una volta che i soldati ritornarono in Francia.

Nel frattempo, una catastrofe vitivinicola chiamata filossera distrusse tutti i vigneto Francesi riducendo drasticamente le scorte di vino a tavola.

Questo evento favorì indubbiamente la popolarità della fata Verde che riuscì a diventare la musa ispiratrice di artisti e direttamente ritratta  come soggetto principale in opere che oggi sono esposte in tutti i musei del mondo.

C’è da sottolineare che dalla distillazione della pianta Artemisia si ottiene anche un alcaloide simile al principio attivo della marijuana meglio noto con il nome di Tujone, una sostanza che agisce sul sistema centrale nervoso provocando in certi casi liete allucinazioni.

L’assenzio veniva servito con acqua sciolta in una zolletta di zucchero con un metodo curioso che diventò presto un vero e proprio rito di preparazione.

Si usavano anche degli accessori per preparare l’assenzio nel metodo classico.

Il declino dalla fatina avviene per mezzo dell’alcolismo post industriale favorito dall’assidua campagna di ghettizzazione assunta dai produttori di vino (che avendo risolto il problema della filossera) volevano riprendere la grossa fetta di mercato perduta con il tempo.

E così la storia che proprio sotto il governo “pontriu” il parlamento francese in occasione di una forte diserzione dei gendarmi dalle trincee durante la prima guerra mondiale bandirono la fata verde assenzio fino agli inizi del terzo millennio.

Infatti oggi grazie alla Comunità europea è possibile produrre assenzio rispettando dei parametri imposti sulla ricetta.